P.zza G.G. Valignani 4
66100 Chieti
Tel. 087135911
Fax 0871330515
arcidiocesi@diocesichieti.it
Sabato 17 Agosto 2019
versione accessibile     mappa del sito      diminuisci dimensione carattere    aumenta dimensione carattere  
Arcidiocesi di Chieti-Vasto
  • testata
  • testata
  • testata
 Home » News » Laboratorio della fede 

Laboratorio della fede a Vasto   versione testuale








Lo scorso 15 febbraio 2019, nella chiesa di San Giovanni Bosco a Vasto si è tenuto il Laboratorio della Fede per i giovani delle Zone di Vasto e di Gissi, guidato dall’Arcivescovo Padre Bruno. Erano presenti moltissimi ragazzi, tra cui una rappresentanza di noi Giovanissimi di Santa Maria Maggiore. Il titolo del laboratorio era “Donne di Fede”. Dopo un canto iniziale, partendo dalla lettura di alcuni brani tratti dal Vangelo di Luca, abbiamo approfondito l’importanza della figura della donna nella fede e il rapporto di Gesù con le figure femminili.
Padre Bruno ci ha ricordato che le donne sono “Apostolae Apostolorum”, ossia Apostole degli Apostoli che con la loro tenacia sono state portatrici di fede agli altri e che hanno contribuito alla nascita della Chiesa con l’evangelizzazione. Ci ha particolarmente colpito la riflessione sul brano “La peccatrice e l’amore che salva” in cui la donna, chinandosi ai piedi di Gesù, li lava con le sue lacrime.
Le lacrime – dice Padre Bruno – “sono un dono” e rappresentano un linguaggio: possono sottolineare appuntamenti di gioia, di dolore o d’amore. Le lacrime esprimono tutti i nostri sentimenti più profondi, tutto ciò che non riusciamo a dire a parole. E non dobbiamo nasconderle, non dobbiamo vergognarci delle nostre fragilità ma presentarle a Gesù. 
Al termine del Laboratorio ci siamo divertiti anche nel realizzare una sorta di intervista tra noi, per condividere le nostre impressioni che consegnano uno spaccato della serata. Qui di seguito alcune nostre battute. “Le donne hanno sempre fatto parte della vita di Gesù”, dice Samuele, “anche se ancora oggi in molti paesi sono ingiustamente discriminate”; aggiungono Miriam e Giada: “Spesso le donne sono considerate deboli perché piangono, oggi invece abbiamo capito che non ci si deve vergognare di essere fragili. Le lacrime sono segno di forza e non di debolezza “. “La peccatrice sa presentarsi a Gesù nel pianto, mostrandosi per quella che è: questo evidenzia il coraggio di una donna di essere sé stessa” aggiunge Sara. 
Non c’è persona che riesca ad amare come una donna e ad essere così tenace come una donna.  Ringraziamo il nostro parroco per averci dato la possibilità di partecipare a questo incontro e il nostro presidente di Azione Cattolica Valter per averci accompagnato. I Giovanissimi di AC di Santa Maria Maggiore – Vasto

stampa segnala condividi   Facebook  Twitter
 Copyright © 2012 Arcidiocesi di Chieti  - Informativa sulla privacy